martedì 1 gennaio 2013

Un momento divertente!

Ciao a tutti e Buon 2013!!!


Grazie al gentile invito di Bruna, giungo su questo straordinario blog!
Il presente rappresenta appunto il mio primo post qui.
Prima di incominciare, qualcuno si starà chiedendo chi sono.
In breve, sono uno studente di Fisica appassionato di scienza (di ogni genere) e di buona musica (con una predilizione per la classica e il jazz) e, da qualche anno, anche blogger scientifico; infatti, gestisco un blog che si chiama (appunto) Scienza e Musica.
Chi mi conosce sa che in quei lidi sono solito scrivere post "chilometrici" (cioè estremamente lunghi e densi di informazioni) e spesso ben ricchi di matematica!
Qui, prometto, sarò molto molto più sintetico e non farò uso di grossi tecnicismi! ;)
Mi focalizzerò invece su aspetti simpatici e decisamente singolari!
Beh, dopo questa doverosa presentazione, passiamo all'inizio del post vero e proprio.

Ho trovato in giro per la rete queste simpatiche e incredibili immagini:




Esse "mi danno il la" per parlarvi un momento del momento!
No, discostandomi da una traduzione comune, non parlerò di un breve istante di tempo!
Allora momento che cosa?
Momento angolare.
Che significa questa apparentemente complessa coppia di parole?
Indica un particolare vettore!
Ecco, qui la fisica definirebbe rigorosamente il vettore (come potete riscontrare anche su Wikipedia) come segmento dotato di punto d'applicazione, modulo, direzione e verso ma, a volte, ai fisici piace complicare le cose facili!
Un vettore è semplicemente una freccia dritta, come la seguente:


Se volete, c'è anche la presentazione fornita da un personaggio del film d'animazione Cattivissimo me che si chiama (ma guarda un po' il caso!) Vector:

Aspettate, abbiamo un caso di omonimia: anche uno di questi 2 si chiama Vector (indovinate quale):


Ritorniamo al pattinaggio sul ghiaccio e al momento, che è meglio va!
Il momento angolare ci spiega perché un pattinatore o una pattinatrice, quando chiude le braccia, acquista velocità nella rotazione, mentre se tiene le braccia distanti dal corpo, questa velocità scema (non sto insultando la velocità, sto solo dicendo che diminuisce)!
Esso è definito con la seguente semplicissima formuletta (prometto che ne inserirò veramente pochissime nei miei post):




Quello che mi interessa far notare qui non sono i dettagli tecnici, bensì proprio il fatto che la velocità (indicata con la lettera v) sale quando r, cioè la distanza tra le braccia e il centro del corpo, diminuisce, ovvero che queste 2 grandezze fisiche con cui il pattinatore/la pattinatrice deve sempre convivere risultano inversamente proporzionali.
Ecco una dimostrazione concreta di tutte queste chiacchiere:

Concludo salutandovi con questo splendido video (il quale, prevedo, piacerà sicuramente moltissimo a Bruna!):


11 commenti:

  1. Leonardo, non si legge la formula (o almeno non riesco io a leggerla): probabilmente è una immagine .gif, con cui io ho sempre avuto problemi, per cui le trasformo prima tutte in .jpeg con il programma Easy Capture, suggeritomi da una delle amiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, la trasformo subito in jpeg!

      Elimina
    2. La formula si legge, Bruna. Sono le immagini che andrebbero sistemate un po' per conferire un maggiore equilibrio estetico al post.

      Benvenuto, Leo!

      Elimina
    3. Sì, infatti io la leggo la formula! Provo comunque a metterla in jpeg.
      Per quanto riguarda le immagini, ho trovato un po' di difficoltà nel sistemarle già così. Adesso vedo se posso sistemarle ancora meglio!

      Elimina
  2. In quanto ai filmati, hai ragione, conosci i miei gusti molto bene!
    Primo post molto simpatico, speriamo ne seguano altri.

    RispondiElimina
  3. Niente Gif. E purtroppo niente LaTeX. Non sono riuscito a scrivere aleph-null come Cantor comanda.

    RispondiElimina
  4. Fischia, ma qui si è già in 16. Non mi ricordo se ho dato il benvenuto ad Anna. Comunque benvenuti ad Anna e Leo, anche se non sono il padrone di casa ma solo un coinquilino. A 20 collaboratori scatta il social, comunque, è la regola.
    Bell'inizio Leo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Paolo!
      Propongo questo primo post sul Tamburo come mio primo contributo al Carnevale della Fisica n.39!

      Elimina
    2. Bravo Leonardo! una ulteriore partecipazione del Tamburo ai Carnevali!
      (ora vedo la formula, chissà perché prima no!)

      Elimina
    3. Grazie mille!
      (forse perché l'ho reinserita in formato jpeg) ;)

      Elimina